Alps – Tante adesioni internazionali sulla griglia

30 novembre 1999 - 00:00

La Formula Renault 2.0 Alps si appresta ad affrontare la sua seconda stagione e lo fa ancora una volta puntando sulla qualità, confermandosi in costante ascesa e come una valida categoria di lancio per i più giovani in un contesto europeo. Lo dimostra sicuramente il livello delle squadre che hanno già formalizzato la propria partecipazione al campionato che partirà da Monza il 25 marzo, con il primo dei sette doppi appuntamenti che faranno successivamente tappa sul difficile e affascinante circuito cittadino di Pau, a Imola, lungo i velocissimi saliscendi di Spa-Francorchamps, a Spielberg (Red Bull Ring), Mugello e Barcellona.

Una categoria, quella della Formula Renault 2.0 Alps, che diventa pertanto un gradino obbligatorio e si propone come principale obiettivo una crescita concreta per i piloti, specialmente per i possibili futuri talenti che hanno già maturato un anno di esperienza in monoposto e si accingono a scalare la vetta delle quattro ruote confrontandosi in un campionato esclusivo ed internazionale, con una vettura di nuova generazione estremamente formativa. Il tutto sotto l’egida della Fast Lane Promotion che, come sempre, si prodigherà per fornire il massimo supporto tecnico-mediatico e garantire un totale equilibrio in pista.

La Formula Renault 2.0 Alps chiama… e dall’altra parte hanno già risposto alcuni top-team” L’ultimo arrivo, in ordine di tempo, è quello dei finlandesi della Koiranen Motorsport, nome già noto nell’ambito delle varie serie europee della Casa d’Oltralpe, a cui è legato il marchio Red Bull. Sei piloti di altrettante differenti nazionalità per questa new-entry d’eccezione: il brasiliano Gustavo Lima, il russo Daniil Kvyat (nel 2011 terzo nell’Eurocup F.Renault 2.0), l’estone Hans Villemi, il tedesco Stefan Wackerbauer, il francese Esteban Ocon ed il finlandese Patrick Kujala, questi ultimi due classe ’96. Al debutto anche la lussemburghese RC Formula, che schiererà quattro unità. Due di queste verranno affidate al francese Norman Nato e al suo connazionale Aurélien Panis, il figlio 17enne dell’ex pilota di F1 Olivier (157 Gran Premi disputati dal ‘94 al 2004), che proprio la scorsa stagione aveva mosso i primi passi nel campionato F4.

“Poker” di vetture servito anche per la Tech 1 Racing, compagine transalpina che nel 2011 ha portato a casa il primo titolo con Javier Tarancon. Tre monoposto per gli austriaci dell’Interwetten Junior Team. Definiti inoltre i nomi dei piloti con cui si presenterà ai nastri di partenza la Arta Engineering. Tre sono anche essi francesi: Tristan Papavoine, Leo Roussel e William Vermont, ai quali si affiancherà l’andorrano Alex Loan. Due punte invece per gli spagnoli della Epic Racing.

Sventola alto anche il tricolore, con una ben nutrita rappresentativa di squadre italiane. Tra le tante spiccano i nuovi nomi di Facondini Racing, che farà il proprio esordio con una sua vettura e gestirà tecnicamente quella della Brixia Autosport con la quale correrà il rookie bresciano Andrea Baiguera, con due anni di esperienza alle spalle nel Challenge F.Renault 2.0 Italia. GSK Motorsport a tre punte: la compagine piemontese, che aveva da tempo ufficializzato l’accordo con i gemelli Nicola e Stefano De Val (pure loro pronti al salto, dopo la gavetta nella serie nazionale) ha annunciato anche la presenza di Nicolò Rocca, alla sua seconda stagione nell’Alps. La Cram Competition metterà in pista due vetture, di cui una per l’altro brasiliano Victor Franzoni. Due monoposto anche per il Team Torino Motorsport, che ha chiuso con il messicano Alex Abogado, One Racing e Viola Formula.

Intanto, il conto alla rovescia per il primo semaforo verde segna “meno 54 giorni”.


Stop&Go Communcation

La Formula Renault 2.0 Alps si appresta ad affrontare la sua seconda stagione e lo fa ancora una volta puntando […]

Alps – Tante adesioni internazionali sulla griglia